Tag

, , , , ,

Il prossimo 23 giugno a Imola, presso la sala corsi Innovami (via Selice, 84/a) l’Università di Bologna, Imola Informatica e Innovami organizzeranno un evento dal titolo: “Applicazioni in cloud – Strumenti e modelli per far crescere l’innovazione in azienda”.

Interverranno Antonio Corradi (Università di Bologna), Claudio Bergamini (Imola Informatica), Gabriele Brusa (Innovami). L’evento è rivolto a ricercatori, studenti, imprese, startup e rappresenta un’anteprima di un ciclo di incontri ispirati al modello della rete degli European Network of Living Labs (ENoLL)

Ma cos’è un open living lab e perché Imola Informatica ha deciso di partecipare? La European Network of Living Labs è una federazione internazionale no-profit di laboratori in Europa e nel mondo. Fondata a novembre 2006 sotto il patrocinio della Presidenza europea, la rete è cresciuta molto in questi anni e attualmente ne fanno parte circa 320 laboratori accreditati.

Lo spirito su cui si basa la rete degli ENoLL è che l’innovazione non sia prerogativa di pochi soggetti o il risultato di sporadiche e geniali intuizioni dei singoli, ma che più spesso emerga dalla connessione di più individui, dall’esplorazione e dal contributo di conoscenze provenienti da campi diversi. Gli ambienti collaborativi ed eterogenei facilitano lo scambio di informazioni e le interazioni tra le persone. Gli strumenti tecnologici oggi a disposizione aumentano rispetto al passato la probabilità che nuove idee possano trasformarsi in progetti, prodotti e servizi.

Imola Informatica, l’Università di Bologna e Innovami vogliono contribuire a creare una rete che coinvolga ricercatori, studenti, università, enti pubblici, aziende e startup. L’obiettivo è avvicinare il mondo della ricerca a quello dell’imprenditoria fornendo uno spazio collaborativo e aperto con gli strumenti necessari a sviluppare e sperimentare liberamente in ambito digitale.

Il tema centrale del primo incontro sarà il cloud e come nel concreto possa portare vantaggi alle aziende, semplificare la gestione delle risorse hardware e software, velocizzare il tempo di avvio di nuove iniziative e ridurre i costi.
Nel corso del workshop verranno mostrati, a titolo di esempio, alcuni strumenti per cloud computing, tra cui Docker e Rancher.