High tech, agenda digitale, smart cities, industria 4.0, internet delle cose, agricoltura smart, intelligenza artificiale, big data, app, social media, web marketing, robotica, stampa 3D, crittografia. Società digitale, pensiero computazionale, startup, privacy informatica, cybersecurity, cyberbullismo, identità digitale, oblio digitale…

Quando Imola Informatica è nata, nel 1983, tutti dicevano: l’informatica è il domani. Dopo più di 30 anni si continua a dirlo, e nel linguaggio di tutti i giorni c’è la sensazione che sia effettivamente così.

Ma davvero le persone comuni se ne rendono conto, al di là dello smartphone perennemente in mano? E chi usa computer e tablet per ragioni professionali ha un’idea della relazione che collega il computer-telefono che guarda continuamente e gli strumenti che usa al lavoro? Nel sovraccarico informativo che riguarda la tecnologia fanno molta fatica a districarsi gli addetti ai lavori, figuriamoci come si possono orientare le persone comuni.

Poi c’è l’immaginario collettivo. La Silicon Valley, i miliardari ventenni, gli hacker, il cyberspionaggio russo, le spie cinesi, gli attacchi informatici, i virus, le auto che si guidano da sole, le fabbriche che producono da sole, metà delle professioni intellettuali che spariranno nei prossimi x anni, i robot che operano meglio dei primari e le macchine che vincono a scacchi e ai quiz.

L’informatica viene percepita come una cosa lontana nello spazio, fatta da persone strane, un misto tra geni e pazzi, che a quel livello non ci riguarda. L’informatica che ci riguarda è comprare su Amazon ed eBay, usare Facebook, WhatsApp, Instagram, TripAdvisor, AirBnb, guardare YouTube, cercare su Google.

Imola Programma, il 10 e 11 marzo 2017 all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari a Imola, nasce per cercare di migliorare la comprensione della tecnologia da parte di chi la utilizza.

Ha come obiettivo affrontare temi di cui tanto si sente parlare ma che coinvolgono poco le persone normali.
Da vicino.
Potendo interrompere per fare domande.
Potendo affrontare un tema di cui ci importa, con qualcuno che ci può spiegare.
Con l’occasione di vedere che l’informatica non è lontana come si potrebbe pensare, c’è chi se ne occupa anche qui, e che alcuni addirittura vendono le loro conoscenze o le cose che hanno costruito nella Silicon Valley o in India o in Germania.
Imola Programma si rivolge particolarmente ai giovani, per aiutarli a capire, a scegliere, a smitizzare.
A capire che Imola offre tanto a chi studia informatica, a mostrare loro che si raccolgono sotto questo nome aziende che fanno mestieri diversissimi, appassionanti, importanti, spesso anche divertenti o affascinanti.
A vedere che se ne occupano persone normali, che hanno studiato le cose giuste e oggi fanno una serie di mestieri molto richiesti, e che saranno ancora più richiesti in futuro.

E si rivolge alle aziende di ogni tipo e dimensione, per avvicinarle in modo “amichevole” a un mondo che intimidisce spesso chi non ha una cultura in materia.

Per Imola Informatica e Local Focus l’organizzazione di questo evento è stato un grosso impegno da tutti i punti di vista, ma quello che ci sembra di vedere, forse condizionati dall’ottimismo, è di avere creato una bella opportunità.

Per Imola e le persone che ci vivono, prima di tutto.

Per i curiosi non imolesi: potrete saperne di più su localfocus.it/imola-programma e con #ImolaProgramma sui social.